martedì 20 gennaio 2009

OPINIONE DEL ROCKPOETA: Bufali e Ghiacciai

Forse dovrei dire bufale o la bufala.

Io sono sempre cauto quando leggo certe novità o certe notizie sensazionali e questa ammetto mi aveva lasciato un attimo perplesso per il repentino cambio di orientamento da parte dei ghiacciai che sembravano aver deciso di punto in... bianco di smettere di sciogliersi.

Ed infatti di bufala si trattava. Repubblica on line ne parla nella pagina dedicata all'Ambiente. Spiace vedere che un blogger M. Asher abbia di fatto lanciato questa bufala poi alimentata dai famigerati negazionisti.

Spiace vedere che un blogger si sia prestato a scrivere una falsità. Per il resto tutto come prima, i problemi ambientali restano...

Il Link: http://www.repubblica.it/2008/06/sezioni/ambiente/polo-nord-ghiacci/presunto-recupero/presunto-recupero.html

----------------------------------------

Ed ora una piccola considerazione sui "bus atei".

Io sono laico, non sono ateo strictu sensu ma neanche penso credente ma quella scritta mi aveva infastidito. Mi sono chiesto perchè.

Ci ho riflettuto ho letto post che ne parlavano ed ho tratto alcune considerazioni:

1) A me danno fastidio pubblicità che inneggiano al culto tanto quanto slogan inneggianti all'ateismo. Sono entrambe moti dell'animo molto intimi e vanno rispettati e possibilmente non sbandierati. Così come detesto la pubblicità per dare l'otto per mille alla Chiesa visto che sappiamo bene come sono spesi principalmente quei soldi...

2) Condivido l'idea di base di quella campagna, ossia quella, penso, di voler difendere il diritto di essere atei e, aggiungo io, laici senza dover essere messi al rogo.

Però allora, secondo me lo slogan avrebbe dovuto essere diverso, se volete qualcosa tipo:
"Credi in Dio? Noi no. Possiamo vivere?"

Credo che difendere le proprie posizioni sia sacrosanto, usare sarcasmo gratuito forse non era il caso.

Quanto alle affermazioni di Don Angelo Bagnasco capocosca della CEI mi limito a dire che le vere ferite sono altre, come per es. quelle inerenti il caso Englaro con la loro vergognosa ingerenza:loro, e di molti politicanti a loro asserviti.
----------------------------------
Quando trovo il bannerino per linkare lo metto per ora per votarm su Ok notizie se volete andate qui :-))) : http://oknotizie.alice.it/go.php?us=10e058192751fb53

49 commenti:

XPX ha detto...

Sarà stato contagiato dall'ottimismo?

tendarossa ha detto...

Io il negazionismo (sugli effetti dell'inquinamento, l'erosione della biodiversità, l'effetto serra ecc.) non lo capisco. Non si tratta di catastrofismo, ma del fatto, oggettivo e innegabile, che il modo in cui produciamo distrugge le risorse del pianeta. Punto.
C'è un protocollo sottoscritto nel '92 a Rio, c'è l'agenda 21, c'è Kyoto...l'Italia ha sottoscritto quegli accordi internazionali. Li sta rispettando? No. Cos'altro si può aggiungere?
D'altronde scollegare i problemi ecologico-ambientali da quelli economici è il più grande errore che si possa fare.
Sui bus, come ho osservato altrove, la campagna "pro" o "contro" l'ateismo o la religione non è che l'ennesima dimostrazione che religione e non-religione sono una merce, e come tale, vengono pubblicizzate.

princicci ha detto...

CIAO DANIELE, prima di tutto grazie, mi fa piacere quando passi a trovarmi, a questo proposito volevo comunicarti che ho un meme per te....lo so che magari potrà sembrarti banale, so che tu parli di argomenti molto seri e impegnati ed io ti leggo volentieri, ma volevo regalarti un pò di leggerezza semplicemente un momento per riflettere sui tuoi propositi per il nuovo anno.....spero di non essere inopportuna! quindi se ti fa piacere puoi farlo!!!!! a presto claudia

balua ha detto...

.. credo che la libertà di espressione sia una gran cosa, peccato che venga lasciata in mano a persone che non la meritano..

Non è possibile, mi domando, argomentare le proprie idee senza dissacrare chi la pensa diversamente??

la bislacca ha detto...

Un bacio in fronte per aver ricordato le sempiterne ingerenze della chiesa per ciò che riguarda i casi Welby, Nuvoli ed ora Englaro.
Da liberale non tollero che chiunque, chiesa o stato, possa o voglia decidere dl mio corpo e della mia mente.
Per ciò che riguarda la faccenda degli autobus (nella tua città, tra l'altro) sono d'accordissimo.
Hola. ;-)

3my78 ha detto...

Io su questa cosa dei ghiacciai e del clima non c'ho mai capito granché. Probabilmente perché non mi sono mai informato a dovere. resta il fatto che la verità resta una chimera.

Blogger ha detto...

Sull'ambiente: non conosco il blogger, era in malafede?
Magari qualche cantonata la possiamo prendere pure noi, sempre che vi sia onestà intellettuale si intende.

Sui bus.
Mi spiace, siamo in disaccordo.
In un paese dove la laicità è attaccata ogni due ore il fatto che una comunicazione atea venga censurata come offensiva lo trovo ... offensivo, che dire.
Quante volte trovi scritto, gratis, Dio esiste?
Lo trovi sui crocifissi nei tribunali, nelle scuole, negli Stati Uniti ti fanno giurare sulla Bibbia ( o facevano, non so ora).
Io ho il diritto di dire Dio NON ESISTE, e il fatto che la cosa i venga impedita lascia pensare.
Mi è capitato di non poter affrontare il discorso ma ero in nord africa per lavoro.
Speravo che l'Italia fosse diversa.
Mi sbagliavo.

Blogger

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

PER BLOGGER: il punto è che io contesto anche chi scrive che Dio esiste sui muri e "Gesù ti cerca" dentro manifesti pubblicitari per la strada.

Poi il concetto che gli atei sono attaccati come se fossero dei terroristi e che questo è vergognoso mi trova concorde ovviamente.

fabio r. ha detto...

ciao dichter!
allora, punto 1: il manicheismo scientifico è una jattura... il revisionismo scientifico peggio... non si sa più cosa inventare per poter continuare a inquinare questo povero pianeta allegramente, con la coscienza pulita....
punto 2: sono pienamente d'accordo con te, d'altronde laico (etimologicamente) significa equidistante, (da wiki: laico ha significato di svincolo dall'autorità ecclesiastica, ma non inficia la professione di una particolare confessione religiosa: per cui si possono distinguere laici credenti da laici non credenti)

poi a me il proselitismo non piace in alcun senso. non voglio esser vinto alla causa dell'una né dell'altra parte.. ed in quanto alla scritta DIO C'E' (letta spesso in autostrada, che pare porti pure un po' sfiga prima di un incidente insomma) la risposta più efficace la lessi anni fa': ...O CI FA'....

CIAO

Blogger ha detto...

Daniele riguardo il tuo commento sul mio blog, scusami uso il tuo spazio.
La reciprocità la si chiede tra stati che si ritengono simili (per libertà in questo caso).
Se vogliamo sentirci come un paese islamico, e non europeo, il tuo discorso non fa una piega.
Se invece volessimo essere migliori, non solo reciproci, invece...
Un saluto, sempre con amicizia ma oggi non è giornata, ahhaha (non siamo d'accordo su niente). A presto, sto guardando Obama (questo siamo d'accordo, vero?).
Ciao.
Blogger

isline ha detto...

"Credi in Dio? Noi no. Possiamo CONvivere?"

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

BLOGGER: su Obama certo, sull'essere migliori ok hai ragione ma prendere poi anche le sberle per esserlo stati....

Cmq il bello è confrontarsi anche, soprattutto poi quando lo si fa con persone intelligenti come te.

Paola ha detto...

Ciao Daniele grazie di avermi fatto visita (eh si lui legge e lo è)...
Per quanto riguarda l'ambiente non posso esprimere la mia opinione pubblicamente ma sappi che è il mio lavoro e quindi sono a contatto tutti i giorni con questa realtà (ti parlo a livello petrolifero)...stop
Ovvio esistono anche le bufale...
Per la pubblicità beh...siamo della stessa città (bigotta oserei dire) e ne sono rimasta basita sarà perchè non ammetto nessun tipo di pubblicità a scopo religioso è un incitamento alle ribellioni (vedi quello che accade nel mondo)...
Per professare una fede non serve la pubblicità lo si sente nel cuore...
Poi ovvio che ognuno è libero di esprimere le proprie idee ed ideali...ma ne rimango sempre contraria...
Beh...ti lascio una buona serata bacioni...ciao ciao a tutti

Calliope ha detto...

Rispetto tutte le religioni ma gli atei..credimi Daniele..proprio non li capisco...
Un abbraccio.

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

PER CALLIOPE: non capirli non significa discriminarli però e non rispettarli. Questo insegna la religione cristiana per es. Tutti siamo figli di Dio tutti dobbiamo amare e rispettare il prossimo.

Altrimenti se non fosse che gli atei non credono in Dio, arriveremmo al paradosso di dire che gli atei sono più rispettosi dei valori cristiani, che poi sono valori universali ed anche laici.

alfie ha detto...

io rispetto tutti e tutto.. ma credo che gli atei non sanno quello che si perdono.

piero ha detto...

Caro Daniele,
in questi giorni mi sono distratto un pò ed ho perso diversi blog tuoi...
vado a leggerli, ma per il momento commento questo!!!
Io sono ateo, convintamente ateo e sono stanco del moralismo del mio paese e dei diktat della chiesa cattolica.
In linea di maasima sarei d'accordo con la tu aposizione, ma non in Italia...la Chiesa entra in ogni nostra decisione ed io sono stanco, voglio gridare che sono ateo e non perchè mi fa piaere che gli altri lo sappiano, ma perchè voglio usare lo scandalo e purtroppo in Italia ci si scandalizza con poco...
a presto
piero

piero ha detto...

...intendevo post...
il sonno incalza!!!

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

PIERO: capisco cosa intendi dire. Scandalizzare per far arrivare il pensiero ma in questo modo non si sono fatti più danni? Alla fine loro fanno quello che vogliono e noi ci si indigna a volte inutilmente, ed in questo caso l'immagine passata è esattamente quella opposta alla realtà.

Concordo sul fatto che oggi questo Paese sia una depandance del Vaticano.

Ciao Piero ed a presto!
Daniele

ARMANDO PARIS ha detto...

VIVIAMO IN UN MONDO MOLTO COLORATO . . . ED E' BELLO ANCHE PER QUESTO! COMUNQUE SONO DELLA TUA STESSA OPINIONE ! SONO COSE MOLTO INTIME E NON VANNO SBANDIERATE!

UN ABBRACCIO

progvolution ha detto...

Bufale forse non casuali?
Sugli ateobus concordo che doveva essere scelto un diverso slogan
Sussurri obliqui

gians ha detto...

daniele, mi scuserai se non ho letto tutti i commenti che mi precedono, forse e per questo probabilmente vado a confermare o cozzare con qualche opinione, ma anche questo è il bello nello scrivere di getto. a proposito degli spot UAAR ritengo che il sarcasmo sia quantomeno necessario in uno stato dove per forza di cose o sei cattolico o non esisti, mi pare il minimo, insomma come dire facciamo in modo che almeno si parli di noi, questo era lo scopo e mi pare che l'obbiettivo sia stato centrato ed affondato. un caro saluto.

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

GIANS: vero ma permettimi di rimandarti al commento poco sopra che ho lasciato in risposta a PIERO per spiegarti quali sono le mie perplessità.

Certo che se tutti pensiamo che per farci sentire si debba alzare scandalizzando la voce, allora forse,permettete una digressione personale, sarebbe il caso che andassi a ruttare al GF per sperare in un editore importante che mi possa pubblicare? Io voglio credere che non sia così.

Saamaya ha detto...

secondo me la bufala l'ha messa in giro Kuros, sotto mentite spoglie!!

duccio ha detto...

Caro Daniele, le bufale danno sempre fastidio, a volte sono divertenti, i blogger non ne sono immuni! ;-) Tecnicamente si chiamano 'fattoidi', ma non hanno nulla a che vedere con i fattoni!
In merito alla vicenda pubblicità sui bus, ti segnalo che da ieri c'è una risposta da parte di un noto partito di centro, i Cristiano Riformisti, il cui titolo è: "Dio esiste, anche gli atei lo sanno". Mi ricorda tanto quelle scritte che qualche decennnio fa si leggevano sui muri per strada. "Dio c'è". Punto.
Anche questa è una delle divisioni italiane, ognuno vuole la verità su misura.
Ti segnalo allora un sito:
http://www.uaar.it/
UAAR, unione degli atei e agnostici razionalisti.
Il punto è, che sugli autobus possono comparire tette e culi ma non una campagna ateista no.
Qui trovi la foto del manifesto:
http://www.river-blog.com/2009/01/19/dio-esiste-lo-sanno-anche-gli-atei/
Sciaooooo ;-)
duccio

chit ha detto...

Riguardo ai ghiacciai più che a Repubblica Ambiente credo ai rapporti di wwf e greenpeace che parlano di meccanismo pressochè irreversibile. Dispiace anche a me che sia stato un blogger a tirar fuori una castroneria del genere ma si sa, ce ne sono di tutti i tipi no (vedasi il Beppe nazionale!).

Riguardo alla pubblicità sinceramente non riesce a strapparmi più di un sorrisetto la prima volta che l'ho vista. Dopodichè, l'Italia di questi anni, mi ha insegnato a "evitare" automaticamente certe visioni e questo mi salva dal chiedermi troppi perchè a volte ;-)

il Russo ha detto...

Penso che, inondati da spot a pagamento (quelli sull'8 per mille) e gratuiti (i tg ogni santa sera) controbattere con uno spot su dei pulman era più che legittimo, mi è stato poi ricordato che siamo in una teocrazia e quindi anche in una città (ex) ribelle ed (ex)libera di pensiero come Genova non s'è fatto nulla.
Sulla prima notizia che dire? Massimo risalto per la bufala, passata in silenzio il fatto che lo era: casualità?

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Ognuno deve avere il diritto di esprimere la propria individualità..
Ciao Daniele

maria rosaria rossini ha detto...

giusta la tua sottolineatura riguardo l'intromissione della chiesa sul caso englaro, e su tanto altro...
i "bus-atei" mi son sembrati una misera dissacrazione nient'affatto divertente, e totalmente irrispettosa nei confronti di chi ha un credo religioso. idem dicasi per le scritte celebranti il concetto opposto. non occorre enfatizzare né l'una né l'altra concezione.

oscar ferrari ha detto...

alla fine quelle dell'UAAR hanno avuto la pubblicità e senza neanche doverla pagare. Da bravi genovesi, compliment

Squall ha detto...

La storia dei ghiacciai che non si sciolgono più mi fa ridere...

Come si pone parte della Chiesa nei confronti dei poco ortodossi e degli atei mi fa ridere...

Come sta reagendo la nostra politica e l'opinione pubblica al caso Englaro mi fa ridere...

...Rido per non piangere :)

Sabatino Di Giuliano ha detto...

Non riesco a convivere piu' con l'ipocrisia della Chiesa.
E poi, per i ghiacciai un altro esempio di manipolazione delle notizie. Non parliamo di verità perchè la verità e' una parola inventata dall'uomo, non esiste....

Romina ha detto...

Daniele@ 1) A me danno fastidio pubblicità che inneggiano al culto tanto quanto slogan inneggianti all'ateismo.

Sono d'accordo con te. Quel genere di pubblicità è sbagliata a causa del "modo" in cui viene fatta.
L'esempio che invece hai fatto tu, cioè il genere di "frase" che tu hai proposto, è sicuramente più sensato perché non dogmatico.

Affermare perentoriamente che "Dio non esiste", infatti, è in realtà una credenza, una fede: la fede dogmatica nell'inesistenza di Dio. Se ci fai caso, un ateo dogmatico non è meno fanatico di un credente bigotto.
Per la società tutti i generi di fanatismi sono dannosi. Ecco perché, specialmente se si toccano argomenti così sensiibli, è meglio avere un atteggiamento moderato, anche nel modo di esprimersi.

In aggiunta, io sono agnostica.

sam ha detto...

Diciamo che per una volta sono gli atei a guadagnare qualcosa. Grazie a questa campagna che non è nemmeno (ancora) partita, un sacco di gente si è iscritta e si è sollevato un vespaio che se i due pulman avessero girato in silenzio non si sarebbe mai creato.
Per una volta penso che bagnasco abbia fatto un autogoal.

Kylie ha detto...

Sono passata solo per un saluto e un bacio.

Cesco ha detto...

Sui ghiacciai non mi esprimo, il continuo dibattere tra studiosi che interpretano dei dati come fossero bibbie anzichè concentrarsi su cose serie come obiettività e oggettività, anzichè combattere per avere finanziamenti a dispetto del loro avversario, francamente mi ha rotto un pò le scatole. La cosa peggiore è che si esprime in merito anche chi di queste cose non sa una benemerita mazza ma che per aver letto qualche articolo su un giornale da due soldi o aver visto un video di qualche pazzoide su youtube si atteggia ad esperto. Uff, e meno male che non dovevo esprimermi, vabbè.

Sui bus con gli slogan atei, direi che non è una campagna da condannare. Il messaggio di fondo, ovviamente, non è quello letterale, come il vaticano vorrebbe far intendere, ma che gli atei, in risposta alle prese di posizione estremiste del vaticano, risponde in maniera provocatoria, con toni estremi anche noi atei. So che è un paragone un pò azzardato, ma è un pò come la provocazione dei cortei del gay-pride, dove per ottenere i propri diritti utilizzano mezzi provocatori, anch'essi, ovviamente, suscitando lo sdegno di "sua maestà" il papa.

riri ha detto...

Ormai sono abituata: gli scienziati dicono tutto ed il contrario di tutto, fatto eccezione per lo stato in cui trovasi il nostro pianetino..come sempre dietro notizie di questo genere si cela il vile denaro...per la scritta..caro Daniele, io sono catto-comunista, credo che sia esistito un uomo migliore di tanti altri..stop..troppo lungo il mio pensiero..sono contraria a qualsiasi forma di esaltazione di un Dio, di qualsiasi tipo, la chiesa dovrebbe far ben altro, guardare agli uomini nel contesto, come tutti fratelli, lo dice la Bibbia, quindi anche i gay,transessuali,omosessuali ecc. del resto ed in virtù di questo atteggiamento la chiesa ha perso altro che l'8 per mille, ben di più..è anche vero che con i tempi che corrono tutti hanno bisogno di un Dio per non suicidarsi...
Ti abbraccio

Anna ha detto...

Ciao Daniele!
Sulla pubblicità siamo in perfetto accordo, ne ho scrito anch'io, come sai.
Il capocosca mi sembra una definizione assolutamente appropriata, e geniale...

flo ha detto...

Nonostante rispetti la libertà di pensiero altrui, l'ho trovato anch'io uno sloagan davvero sciocco, infatti ha ottenuto esattamente l'effetto contrario e una valanga di critiche non tanto rivolte all'ateismo, piuttosto alla scelta del pubblicitario...

Franca ha detto...

A me quella scritta non ha dato alcun fastidio...

Il Blog | Attualità | Psicologia ha detto...

Purtroppo in questo Paese ci sono troppe cose che non vanno (e più degli altri)...

Francesco

tommi ha detto...

purtroppo non c'è molta speranza. i dati sono questi più CO2 c'è più la temperatura si alza.
a riguardo sto leggendo un libro che consiglio: i signori del clima.
a febbraio farò partire anche una rubrica dedicata esclusivamente al tema ambientale se vuoi partecipare, fatti sentire!
tommi

md ha detto...

Daniele, purtroppo ad ogni azione corrisponde una reazione. Non so se quello sia il miglior modo per rivendicare la laicità dello stato, ma certo con questi chiari di luna...
Sul "negazionismo" climatico poi (che a suo modo è una controreazione), mi pare di ricordare che qualche settimana fa, in occasione della nevicata e ondata di gelo, non so più se Il giornale o Libero (mi si perdoni l'inesattezza) aveva titolato e argomentato dicendo cose del genere: avete visto? e poi ci venite a dire che c'è il riscaldamento globale... Non so se l'ignoranza lì sia ideologica, calcolata o da semplici decerebrati... di sicuro, però, circola e massicciamente!

l'incarcerato ha detto...

Che bufala strana, non sarà forse la mania di screditare a tutti i costi chi fa vera informazione? Adesso sembra diventata una moda...ora ci sarà qualcuno che cercherà di dimostrare che le radiazioni delle antenne in realtà fanno bene alla salute!

caramella-fondente ha detto...

Ognuno di noi ha un anima: lì risiede DIO: sta a noi ascoltarla o ignorarla
I dogmi di qualsiasi tipo e genere li lascio volentieri ad altri, così come il culto religioso
Aldilà di questo....ho votato l articolo
Ciao Daniele

Alberto ha detto...

Per quanto riguarda la questione del clima è stato il solito sensazionalismo dei giornali unito al fatto che nessuno controlla la fonte delle notizie.

Carmine Volpe ha detto...

spesso la gente confonde il tempo metereologico con il clima, la notizia è stata presentata però dalla stampa come se negli ultimi giorni il problema dell'ambiente e dello scioglimento dei ghiacciai era stato risolto, i più non hanno smentito come repubblica

Carmine Volpe ha detto...

ho sbagliato a scrivere volevo dire "come invece ha fatto repubblica"

salpetti ha detto...

Daniele, ottime considerazioni quelle sui bus atei...
In effetti il credere o il non credere, l'essere di una religione o di un altra, professarsi agnostici o atei, ecc. fa parte degli aspetti più personali di una persona. farne degli slogan è forse eccessivo e fuori luogo!!!

Un caro saluto!!!
Salpetti