sabato 25 ottobre 2008

POEMA DEL ROCKPOETA: "LA CITTA' MORTA" (6)

Ecco l'ultima parte del Poema:

L'ASSALTO

Notte fonda
Siamo vicini alla Sfera.

Più Nessuno
la vigila.

Le Sentinelle del Potere
e la sua Polizia
ormai
stanno abbandonando
il loro Padrone.

Il POTERE
sta perdendo Potere.



Ora possiamo
entrare dentro
questa enorme Ampolla.

LA ROMPIAMO!!!!


E spargiamo
così
di nuovo
i "germi"
della Vecchia
Atmosfera.


Per Tornare a Poter Sperare Ancora.


------------------------------------------------

METAMORFOSI

Ed il Miracolo
accade!

L'aria sta
vincendo la sua
battaglia
contro
il nostro Presente
ormai
sempre
più
Passato.

Il Potere é sconfitto
Torna lentamente
la Memoria Storica
A Tutti
Per Tutti.

Ilaria
può finalmente tornare a
RESPIRARE L'ARIA!!!

Il Processo
é per qualche
strano
fenomeno
Accelerato.

E così
per la prima volta
da tempo
tanto
troppo tempo
LA FELICITA'
riempie i nostri sensi
così come
L'ARIA
i nostri Polmoni.


Torniamo alla Vita.

Respiriamo ancora
Respiriamo di nuovo
Respireremo per Sempre.


-----------------------------------------

EPILOGO

«Siamo liberi
Il Potere é in fuga
si é sciolto.

Respiriamo Aria e libertà

Assaporiamo voglia di ricominciare
di costruire un nuovo mondo
una realtà diversa
un nuovo Futuro

Ora si può.

Ora scopriamo molte realtà
ed abbiamo le ultime risposte.

Non eravamo soli
né soli lo siamo adesso.

Esistono altre 4 Città morte
ma
in realtà
VITALI
che lottano per essere libere
per respirare di nuovo.

Contatti iniziati
Azossigen inviato
li stiamo aiutando
ci stanno rispondendo.

Noi solo però
abbiamo avuto Ilaria.

Lei,
la nostra salvezza
la vera svolta
la vera luce.

Il processo presto sarà completo
ed un nuovo mondo vivrà
un mondo di aria
vita
sogni
fantasia
giustizia
speranza.


La Nuova Resistenza - Anno 2095 d.C. e 1° Anno di nuova libertà. Fine Comunicazioni«


Una nuova chance
Un nuovo potere nascerà
Ilaria é loro
Ilaria é fondamentale
Ilaria dà potere
Ilaria porta potere
a chi l'ha accanto.

Una grande occasione si presenta adesso
di fronte a loro:
La STORIA può essere riscritta
Loro possono fare tesoro
degli insegnamenti della Storia
ricordandosi di come la bramosia può uccidere anime
Ecosistemi
Aria
Tutto.

Possono riuscirci o..... possono ricominciare tutto dal principio.

La Storia si ripete.

E questa volta?


FINE

-----------------------------------------------------

ALL POEMS WRITTEN BY DANIELE VERZETTI, ROCKPOETA

CONTINUA....? NO TRANQUILLI FINISCE DAVVERO QUI :-)))

24 commenti:

riri ha detto...

Daniele,sei sempre insuperabile!!!
Le tue poesie..a volte un inno alla speranza.
Un abbraccio ed a presto.

Vincenzo ha detto...

Bravissimo....è sorprendente la tua creatività....avvisami quando esce il tuo prossimo libro...ciao ciao

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Poesia che lascia spazio alla speranza.
Bellissima.
Concordo con Vincenzo:avvisaci quando uscirà il tuo nuovo libro.
Un caro saluto
Buona Domenica.

Lliri blanc ha detto...

Che fervida fantasia Daniele! Complimenti!
Il respiro è vita...la libertà è speranza di una vita migliore...la vita produce morte e lascia tracce di sé...La storia si ripete...

Nicola ha detto...

Ciao Daniele
solo un saluto
Nicola

Anonimo ha detto...

Questa parte finale mi è piaciuta più di tutte (eppure, le altre, le ho apprezzate non poco lol). La vittoria della libertà...e Ilaria, figura di donna dolce e potente, che ha reso possibile la rinascita della libertà. E' un poema bellissimo, grazie di averlo pubblicato.
P.S. non riesco più a pubblicare con il mio nick, mifirmo di seguito:
L. Titania

stella ha detto...

Poema intenso,ricco di valori.

Ottima idea quella di pubblicarlo.

Annarita ha detto...

Ciao, Daniele! Versi che destano emozioni profonde e accendono una scintilla di speranza in un futuro migliore.

Grazie!

Un abraccio e buona fine settimana:)
annarita

anaiv ha detto...

Daniele, bellisimos poemas e intensos. Gracias por compartir con nosotros.
Buen domingo. Anaiv



Traductor google:

Daniele, belle poesie e intenso. Grazie per condividere con noi.
Buona Domenica :-). Anaiv

Franca ha detto...

Mi piace l'apertura alla speranza.
Sei sempre così pessimista...

la bislacca ha detto...

Leggiamoci pure una nota di speranza.
Nonostante tutto non può finire male. Non deve.
Ogni sistema, in fondo, ha la sua Ilaria.
Buona domenica, Daniele.

guglielmo ha detto...

Convincente come lirica. Questo filone "post catastrofe imminente" è interessante... ciao

l'incarcerato ha detto...

Bellissima questo poema, ma a differenza degli altri secondo me non lascia spazio alla speranza, ma al dubbio: E questa volta?

Daniele Verzetti, il Rockpoeta ha detto...

PER INCARCERATO: Vero lascia spazio al dubbio ma sta a noi trasformarlo in speranza ed in un bicchiere che da mezzo pieno diventa traboccante. Quindi cmq il dubbio lascia aperta anche la porta per un futuro diverso e migliore. Ora l'opportunità ce l'hanno. Dipende da loro, da noi, non sprecarla.

PER FRANCA: LOL! Ammetto che nel leggere il tuo commento ho sorriso di gusto :-))) !!!

Ciao!
Daniele

Pino Amoruso ha detto...

Semplicemente....grande!!!
Buona domenica :)

Anonimo ha detto...

Voglia di speranza......e di aria nuova
bellissime come sempre Daniele!

Buona domenica
aria

Blogger ha detto...

Daniele come fai a scrivere con questo ritmo?
Sei un portento!
Complimenti.
Blogger
ITALY ITALIA

Angela ha detto...

Daniele, la tua poesia intensa porta tutto il dolore e la forza possibili.
Grazie

Mat ha detto...

stupendo post.
mi accendi spesso l'interruttore della speranza di migliorare..
grazie

cieloblu ha detto...

La speranza siamo solo noi nel fare in modo di cambiare seriamente le cose,ma ho seri dubbi finchè non si riesce a comprendere che siamo veramente sottomessi a un potere che è capace di fare di tutto,allora tutto rimane così com'è...
A presto.

Artemisia65 ha detto...

al terzo paragrafo mi stavo preoccupando
finirà o è emulo del petrarca???
ihihihihihi

3my78 ha detto...

Belle, specie Epilogo, quella che ho apprezzato di più.:)

caramella-fondente ha detto...

SI' Sono convinta che sia necessario un cambiamento profondo sulle grandi questioni all’ordine del giorno. Anzi, proprio l’emergenza che tali questioni stanno determinando deve essere utilizzata per rifiutare lo “stato quo”, per ribellarsi a questo conformismo dilagante, per mettere in discussione un sistema che non è più in grado di garantire un adeguato sviluppo nel segno del bene comune e con il rispetto dei principi di giustizia sociale.
Bravo Daniele

libera ha detto...

caro Rockpoeta,
leggerti è sempre una meraviglia.
Scrivi di speranza e mi fai sentire
in:
"un mondo di aria
vita
sogni
fantasia
giustizia
speranza"
grazie!

a presto.