domenica 19 ottobre 2008

POEMA DEL ROCKPOETA: "LA CITTA' MORTA" (5)

Come promesso, ecco la quinta parte del Poema....

LA RINASCITA

Ossa del Passato
Cimeteri del Presente
Unico collegamento tra Noi
e la nostra Storia.


Così credevamo.


Ecosistemi del Passato
si sono salvati
ora lo sappiamo.


Una nuova speranza
si apre.

Nuova Luce
illumina le coscienze.


La Rinascita é vicina.

----------------------------------------

TIME

Suoni stolti
dall'ignoto.

Frenesie senza tempo

Anime mutilate
divelte
corpi straziati dalla crudeltà.

Crimini senza tempo
misfatti contro l'umanità

Delitti senza tempo
compiuti in ogni epoca.

Ilaria ci mette in guardia
ci ammonisce.

Ilaria vuole essere
sicura
che
Noi
non ripeteremo
quegli orrori.


Ilaria
ci ritiene pronti.

Pronti per dirci
quello che vogliamo sapere

Pronti
per dirci
ciò che soltanto
ci resta ancora
da sapere.

IN CHE ANNO SIAMO



Ilaria
ci fissa intensamente
schiude le sue labbra
e parla
«Siamo nel...2095 d.C., Giugno 2095«

Adesso sappiamo
Il Popolo saprà
L'Azossigen sta
lentamente guarendo
la nostra gente.


Solo una cosa
ancora ci manca


Riprodurre l'Ecosistema
del nostro sofferto Passato.
per recuperare un Futuro.


Ma ora
sappiamo come fare

Ora sappiamo
dove trovarlo


La Nuova Resistenza 2095 d.C. Anno definito.

--------------------------------------------------------------


Le Rivelazioni di Ilaria

Ilaria
decide
di
svelarci
tutta
la
VERITA'.

Ibernata nel 2023

Violenti cataclismi naturali
causati
da inquinamento;

Potenti agenti chimici
immessi nell'aria
per errore;

Esperimenti militari
manipolazioni genetiche.


QUESTE LE CAUSE DELLA FINE


Tutto questo
provocò
la morte dell'aria
la fine dell'ossigeno
la vittoria della Barbarie sulla Civiltà.


POCHI SI SALVARONO


Le Regole della vita
furono riscritte

L'Ossigeno sarebbe stato bandito
(quel poco rimasto).

Il Potere di allora
decise
che
tutto ciò
doveva essere
DIMENTICATO.

Distrussero
ogni prova storica
dell'accaduto.

L'Azoto liquido
fece il resto.

La Nuova Resistenza
di Allora
si rese conto
ben presto
che
nonostante tutti gli sforzi
anch'essa
perdeva
gradualmente
Memoria Storica.

La perdeva
più lentamente
potendo respirare - in qualità di ibridi -
(come il potere)
ANCHE ed ANCORA
OSSIGENO.

Riuscivano a rallentare il processo
ma non riuscivano
a fermarlo.

Ecco perché
ci racconta Ilaria
«Johnny
decise la mia ibernazione
affinché
potessi
mantenere
la Memoria Storica
ed aiutare
la Causa
OGGI che il tempo é maturo
OGGI
che é giunto il momento di agire.

La Scrittura era morta
Niente alberi
Niente carta
Niente Tecnologia (e quella poca rimasta in mano al Potere)
Il nostro ecosistema
morto.

Oggi
il Potere vuole
recuperare quella Memoria Storica
per avere
il totale dominio
SU TUTTI PER SEMPRE«


Queste
le conoscenze di Ilaria
Ma anche lei
non può
toglierci
alcuni punti oscuri
che ancora
albergano dentro le nostre menti
dentro i nostri pensieri
e nelle nostre anime impaurite.


Noi Tutti
Abitanti di questa
Città Morta
Siamo gi unici "VIVI"
Sul nostro pianeta?

Ed ancora:
Saremo
in
tempo
per recuperare la vita
per
ripristinare il nostro Ecosistema preesistente?

Dare
una
risposta
A queste domande
Adesso
Però
DIPENDE SOLO DA NOI.

-------------------------------------------

CONTINUA....

ALL POEMS WRITTEN BY DANIELE VERZETTI, ROCKPOETA

35 commenti:

alfie ha detto...

oh che bello leggerti!! grazie!

Silvia ha detto...

Fantastico :)
Aspetto la continuazione allora!

Buona domenica Daniele...Anche se è già quasi finta...

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Bellissimo Daniele, si dipende solo da noi.
Un caro saluto

note disambigue ha detto...

Ilaria mi è sempre più simpatica.
Ad un certo punto della lettura avrei voluto che tornassero ad ibernarla: forse i tempi non sono ancora maturi.

Pietro ha detto...

Certi punti oscuri sono destinati ad esserlo per sempre

tommi ha detto...

La prima sembra essere molto attinente ai fatti odierni. VOGLIAMO UN NUOVO NEW DEAL!

scrittrice75 ha detto...

però... complimenti. davvero d'effetto. un saluto

caramella-fondente ha detto...

Dipende sì solo da noi...
In un’economia mondiale sempre più integrata, nella quale tutti dipendiamo dallo stesso grano, petrolio, acciaio, questo modello non funzionerà neanche per i paesi industrializzati. La nostra sfida generazionale consiste nel costruire una nuova economia, prevalentemente alimentata da fonti energetiche rinnovabili, con un sistema di trasporti estremamente differenziato e che riusi e ricicli tutto. Ed è necessario farlo a una velocità senza precedenti. Perpetuare il sistema economico attuale, che sta distruggendo i propri ecosistemi di supporto e spianando la via a pericolosi cambiamenti climatici non è più un’opzione percorribile. È giunta l’ora .... Ci sono quattro obiettivi prioritari: stabilizzare il clima, stabilizzare la popolazione, estirpare la povertà e ripristinare gli ecosistemi terrestri. Al centro dei meccanismi di stabilizzazione del clima vi è un piano dettagliato per ridurre le emissioni di anidride carbonica dell’80% ....
Ciao Daniele

Pino Amoruso ha detto...

Grande post Daniele...e certo che dipende solo da noi!!!
A presto ;)

Blogger ha detto...

Molto David Bowie, corretto?
Dario
ITALY ITALIA

3my78 ha detto...

A me è piaciuta particolarmente la prima.
Poi, un po' di speranza non fa male:-)

Daniele Verzetti, il Rockpoeta ha detto...

DARIO: dipende cosa intendi.

Diciamo che l'idea del Poema me la diede Outiside, poi il resto nasce da me. Non nascondo che sono un grande fan di Bowie (l'ho dichiarato spesso lol) e che ha ispirato molte poesie, facendo nascere in me sensazioni del tutto personali.

Musica, realtà, foto, immagini, tutto quello che mi colpisce diventa poesia.

Ciao :-)))
Daniele

libera ha detto...

Caro Rockpoeta, difficile dire quante emozioni e sensazioni nascono nell'animo leggendo il tuo poema. Voglio pensare e augurarmi/ti Nuova Luce che illumina le coscienze.
grazie, a presto.

Michael Grimaldi ha detto...

Emozionante. Spero solo che nel 2095 non ci sia più il berlusconismo.

Blessing Sunday Osuchukwu ha detto...

Grazie per averci rivelato in tempo questo futuro maledetto, che se l'umanità vuole veramente si potrebbe riscrivere....
Buona settimana!

ciclofrenia ha detto...

Azz, questa è un'opera!

Calliope ha detto...

Ciao Daniele..voglio la Rinascita.
Ti prego dimmi che non è cosa impossibile o utopìa :(((
Ti leggo e mi rispecchio e mi appiglio anche ad ogni minimo spiraglio di luce tenebrosa..
perchè la speranza c'è lo so, siamo noi ma...e loro ce lo permetteranno di Rinascere?
Buon pranzo Daniè ^_^

Silvia ha detto...

Come sempre, una meraviglia indescrivibile!!!

;-)

TIZIANO TESCARO communicator,Vicenza ha detto...

Una nuova speranza si apre? Speriamo nei miracoli perchè nessun bagliore attualmente ci fa sperare e l'umore degli italiani non dà certo sicurezza...

Niente Barriere ha detto...

Daniele mi passi il tuo poema dell'acqua che lo pubblico nel mio blog, sempre se vuoi!

Hai ragione DIPENDE SOLO DA NOI! peccato che l'italiano medio se ne dimenticato... ma noi blogger insistiamo!!!!
DAI!!

Niente Barriere ha detto...

Fatto! Ti ringrazio Daniele per la collaborazione :)

digito ergo sum ha detto...

dipende da noi. già. che sia questo, il problema?

un abbraccio

l'incarcerato ha detto...

Non vedo l'ora come finisca, molto bello quello che hai scritto. Ho notato che ci tieni a sottolineare quanto sia importante la memoria storica. Oggi, come sarà nel futuro che racconti, ne abbiamo bisogno.

Nicola ha detto...

Proprio perchè dipende da noi ci troviamo in questo stato....infatti noi italiani continuiamo a farci governare da corrotti e corruttori,oggi mi tengo sul leggero...
e noi stiamo a guardare!!
Un abbraccio

MioCapitano ha detto...

Mica male, questo tuo poema, rockpoeta. Davvero niente male. C'è molto Blade Runner, 1984, e un bel po' di letteratura dell'antiutopia. Mi ci ritrovo nelle tue atmosfere. :-)

Andrew ha detto...

tutte molto belle

stella ha detto...

Daniele mi congratulo con te.

Tratteggi la realtà con mani agili!

sirio ha detto...

Buon pomeriggio Daniele!

Non prendere impegni per domani,sei invitato da me...

Sorpresa!

Luigina ha detto...

Mi inchino ai tuoi versi sempre profondi, anche se un po' pessimisti. Scusa la mia ignoranza, ma quando parli di Ilaria ti riferisci a Ilaria ALPI?

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

PER LUIGINA: No, è un nome di fantasia ed un personaggio che non ha riferimenti con la realtà di cronaca.

Pier Luigi Zanata ha detto...

COMPLIMENTI. BRAVO.
Vale

Lliri blanc ha detto...

Dipende solo da noi...intanto restiamo appesi al filo che ci unisce alle tue parole...che ci unisce a Ilaria...chi ci unisce al futuro...Grazie Rockpoeta!Sei un archivolto di luce nell'oscurità...

il Russo ha detto...

Hai ragione, tocca a noi!

Arthur ha detto...

Le domande le tengo sempre per la fine

lealidellafarfalla ha detto...

LA FELICITA'
riempie i nostri sensi
così come
L'ARIA
i nostri Polmoni.
Questo passo riempe veramente.
Un saluto
fabrizio