lunedì 21 luglio 2008

L'Angolo del Rockpoeta: SUNSHINE FUTURE

Una poesia che è uno spaccato di tante realtà, una poesia che è amarezza e, alla fine, anche speranza.

Spero solo che questa speranza non si riveli ottusa ed utopica....


SUNSHINE FUTURE

Occhi curiosi
Sbirciano
Sorridenti
Fogli bianchi
Che presto si riempiranno di parole
Che racconteranno
Storie
Emozioni
Pensieri e ansia di libertà.

Sono episodi,
Spaccati di una serena realtà
Momenti del proprio vissuto

Dolcissimi. Incancellabili.

Occhi sbarrati
Fissano rovine
Della loro casa distrutta
Annientata da missili intelligenti
Ma senza un’anima
Senza pietà.

Occhi sbarrati piangono
Genitori perduti
Vegliati
All’ombra di calcinacci polverosi e stanchi.

Sono momenti del proprio vissuto
Episodi anch’essi provenienti dalla nostra realtà
Anche questi indelebili
Ma privi di un sorriso da ricordare,
da stringere, da amare.

Occhi accesi
Crescono
Coraggiosi
Fieri
Innamorati
E lottano:
Chiedono diritti
Vogliono rispetto
Libertà.
Libertà d’amare
Di vivere
Di integrarsi
Libertà di affrancarsi
Da schiavitù secolari
Suffragate da alibi di segno religioso
Ma in realtà
Alimentate da semplice voglia di possesso

Donne vere
Trattate come se fossero oggetti
Come se fossero Nulla.

E come nulla
Vogliono farle sentire.

Usate
Vendute
Picchiate
Seviziate

Un nulla da gestire a loro piacimento

Sono altri momenti di vita
Occhi, vittime di soprusi,
Che non si arrendono

Occhi accesi verso il futuro.

E ci sono i miei occhi
Tristi
Stanchi
Amareggiati da ciò che vedono
E di cui scrivono
ma che non vogliono arrendersi
Che non per questo hanno intenzione
Di diventare ciechi
Di voltarsi dall’altra parte.

Occhi feriti
Con il solo permesso
Di piangere il dolore della vita
Ma non di ignorarlo.

E poi ci sono gli occhi tuoi,
Per tornare a sorridere, amare,
Lottare e credere…

Credere
Che tutto ancora può cambiare.
Per un futuro diverso
Da lasciare a quegli occhi innocenti e curiosi
Che sbirciavano i miei fogli bianchi.

Per quegli occhi
E per tutti gli altri
Che ogni giorno si alzano e lottano
Sperando sempre
Che il sole sorga anche per loro.


DANIELE VERZETTI, ROCKPOETA

39 commenti:

riri ha detto...

Ciao Daniele,come sempre,le tue parole in versi,sono incantevoli..c'è tristezza e speranza,sì,che ci sia un momento migliore..
Grazie,caro Rockpoeta!!
Buon inizio settimana

l'incarcerato ha detto...

Bella poesia, e leggendola mi trasmette molta speranza e voglia di lottare nonostante tutti i soprusi che quotidianamente viviamo!

Bisogna credere nell'impossibile, per avere il possibile.
Herman Hess

stellastale ha detto...

ad occhi aperti... sempre e per sempre

bruno ha detto...

Al solito, con le liriche dai il meglio di te.

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Grazie per questa poesia Daniele. E' vero, il dolore che i nostri occhi sono costretti a vedere,la nostra anima a sopportare è tremendo. Ma come hai scritto da me, siamo sempre più persone che si rendono conto di questo ed è positivo. La speranza di veder realizzata la primavera.
Ciao

nonsoloattimi ha detto...

Sei semplicemente sublime... i miei occhi sono curiosi, attenti, speranzosi, tristi... e finchè sarà così vorrà dire che sono viva dentro... non voglio spegnere mai la fiamma che è in me...
un bacio
Claudia

Tony Pannone ha detto...

Cio' che mi colpisce sono gli occhi accesi non se ne vedono in giro tranne che nei bambini.... e tu hai capito che per dare lustro alla vita, gli occhi devono sempre brillare affinche' mai stanchi e vivi forti da trsmettere sempre e solo amore..... un caro saluto.

Raggio di sole ha detto...

Per fortuna il sole sorge ogni giorno, portando giorni sereni e pieni di speranze......e voglia di lottare , per ricostruire e allontanare le tristezze del passato....dobbiamo sempre guardare avanti e pensare che domani è migliore di oggi...
Sei un poeta straordinario Daniele e le tue poesie mi colpiscono ogni volta....sei eccellentemente sublime....

Buon pomeriggio
Gisella

Tisbe ha detto...

Giusto un saluto!

Tiziana ha detto...

;O)

Poetryfree ha detto...

Bellissima Rock!
I tuoi finali danno spesso speranza, potresti darmi lezioni d'ottimismo... :))
Complimenti,
a presto...

Monicanta ha detto...

:* ci sei mancato sabato...

Alessandra ha detto...

caro Daniele,
grazie per condividere con noi questi versi, ne scelgo alcuni, ma sento di fare un torto agli altri...

"...Occhi accesi
Crescono
Coraggiosi
Fieri
Innamorati.."

con affetto
Alessandra

Lucia Cirillo ha detto...

Meraviglia Daniele!
Ma da parte mia non arriva nessuna iniezione di ottimismo...mi limito ad aspettare...

Dyo ha detto...

Una parola di speranza, anche solo un'idea, a volte può far bene al cuore.

Luna70 ha detto...

Sono molto belli i tuoi versi, caro Daniele.
Io penso che la speranza sia necessaria in questo mondo, altrimenti saremmo sopraffatti da tutte le atrocità che accadono intorno a noi.
E questa tua poesia getta un seme di speranza nei nostri cuori.
Un saluto affettuoso e a presto!

Pellescura ha detto...

Belle l'anelito di speranza, ma lo scetticismo mi attanaglia.
Ciao

Carpe Diem ha detto...

Bellissima....un bacio grandissimo!

il Russo ha detto...

Bravo Daniele, peccato non esserci beccati ieri per poter ascoltare dalla tua viva voce perle come questa.

Anna ha detto...

Le speranze non sono mai ottuse, se mirano alla giustizia e sono dalla parte dei deboli.
Se non avesse già provveduto L'incarcerato, ti avrei postato le parole di Hesse....

Paola ha detto...

Un saluto e...tanta speranza ;)

luce ha detto...

Caro Daniele, hai perfettamente ragione...sono per alcuni occhi vale la pena continuare a guardare tutto il resto, perhè è solo con il sostegno del loro sguardo che tutto diventa meno pesante da sopportare; e non è egoismo ma condivisione.

Ps: possi linkarti tra i miei preferiti? Apprezzo milto le tue opere e vorrei avere la possibiltà di averti come ospite a casa mia; fammi sapere.
Cordialmente

Mat ha detto...

pensa se la decantassi in una spiaggia in sardegna :)

oscar ferrari ha detto...

Ma certo che tutto può ancora cambiare. In peggio

Carmine Volpe ha detto...

parole che vanno dritte al cuore senza mezzi termini, perchè quando l'alba sorge non è uguale per tutti

emanuela ha detto...

Occhi stanchi, è vero!
Occhi che si battono ancora, è verissimo!

pabi71 ha detto...

Bellissima Dany,sei sempre grande.
Un saluto e buona settimana.

MioCapitano ha detto...

"Evviva le donne / evviva le belle donne / che sono le colonne / dell'amor". Nino Ferrer Lol.

Silvia ha detto...

"Donne vere
Trattate come se fossero oggetti
Come se fossero Nulla.

E come nulla
Vogliono farle sentire.

Usate
Vendute
Picchiate
Seviziate

Un nulla da gestire a loro piacimento", grazie particolarmente per questo passo!


Mi auguro che i nostri occhi, di tutti noi, possano vedere finalmente un nuovo giorno, che sia davvero nuovo...

***

Complimenti!! ;-)

ArabaFenice ha detto...

trovo che questa poesia si presti a descrivere momenti della vita di noi tutti.

anna ha detto...

Profondamente bella!

Franca ha detto...

La speranza può anche essere utopica, ma ottusa mai...

Nicola ha detto...

Veramente coinvolgenti i tuoi scritti,complimenti e buona serata a tutti

TIZIANO TESCARO communicator,Vicenza ha detto...

Ciao Daniele torno sempre volentiare x leggere le tue poesie, e dopo averle lette ripenso alle parole e alle frasi. Grazie ancora e buona serata

salpetti ha detto...

Ciao Daniele,
come al solito sono rimasto in cantato dalle parole delle tue poesie...
Speriamo che il sole sorga davvero per ogni essere umano sulla Terra!!!
Un caro saluto!!!

Riyuren ha detto...

C'è molto,negli occhi.Sempre.C'è un mondo.Un mondo interiore che scopre il mondo esterno.Si specchiano entrambi.L'uno nell'altro.E' così che conoscono se stessi..Anche questa lupa vede in sè il dolore del mondo che la circonda.I miei occhi sono vivi.La speranza che qualcosa cambi...un po' meno.
Grazie per i tuoi passaggi da me.
Un abbraccio.

giadatea ha detto...

grazie Daniele, leggerti è sempre regalarsi un momento prezioso, scusa la latitanza ma ultimamente il tempo scarseggia, ma per poesie come queste... bisogna trovarlo!

Istanbul ha detto...

Splendida.

Istanbul ha detto...

Infastidita no.
Colpita. Come quando rimani colpito quando leggi parole che esprimono qualcosa che fa male, qualcosa di te che non oseresti esprimere a parole e che hai preferito affidare a linee tracciate su un foglio.
Non mi aspettavo che qualcuno le leggesse.
Grazie
ire