mercoledì 26 settembre 2007

OPINIONE DEL ROCKPOETA: No Comment.

Notizia che non necessità di commento alcuno da parte mia. Si commenta da sola.

Il Link: http://www.adnkronos.com/IGN/Cronaca/?id=1.0.1341553492

E intanto i veri Religiosi non mollano. Anche se gli sparano addosso.

http://www.repubblica.it/2007/09/sezioni/esteri/myanmar-aung/truppe-monasteri/truppe-monasteri.html

Le testimonianze che arrivano dall' ex Birmania via internet:
http://www.repubblica.it/2007/09/sezioni/esteri/myanmar-aung/testimonianze-blog/testimonianze-blog.html

Daniele Verzetti, Rockpoeta.

E' NOTIZIA DI OGGI 27 SETTEMBRE 2007 (FONTE REPUBBLICA ON LINE) CHE SEMBRANO ESSERE OLTRE 800 I MONACI ARRESTATI. UCCISO ANCHE UN REPORTER GIAPPONESE.

7 commenti:

Osteria dei Satiri ha detto...

OT: ti ho linkato.
avevo risposto nel mio blog, ma qui è più visibile per te. cmq interessante anche il tuo blog ribadisco. grazie per i complimenti.
la poesia in generale mi piace,e in particolare la tua "sabbie mobili" mi è piaciuta.
poi RockPoeta è un bel nome.
ciao
Max

Davide ha detto...

Purtroppo la situazione sta degenerando...bisognerebbe intervenire!

Franca ha detto...

E' tristissimo...

raser ha detto...

chissà perchè agli esportatori di democrazia non frega un fico secco della birmania?

Finazio ha detto...

hai detto la parola magica: i veri religiosi.

Luca ha detto...

Raser, quelli che vorrebbero intervenire, quantomeno con una risoluzione del consiglio di sicurezza, sono bloccati dalle "disinteressate" Russia e Cina, che pongono il loro veto, insisme al voto contrario dell'Indonesia.
Come in Darfur?

Luca.

salpetti ha detto...

Questa situazione non fa altro che sottolineare quelli che sono gli equlibri politici, economici e di forza che vigono tra gli stati più potenti del Mondo. Gli Americani, ad esempio, sempre pronti ad esportare la loro democrazia a suon di bombe, questa volta sembrano disinteressati. A loro interessano più i risvolti democratici di paesi come Iraq o Afganistan con il petrolio e le materie prime, piuttosto che quelli ex birmani con un sottosulo povero. L'ONU, poi, si è rivelata per quello che è: un'oraganizzazione che finge di essere super partes, ma che si trova spesso nell'impossibilità di agire perchè in balia ai soliti giochi di potere, perciò risulta inutile e schierata. La Cina continua a rivelarsi illiberale e dimostra di portare avanti una politica di spartizione del territorio ormai superata.
Insomma, in mezzo al caos internazionale dei giochi di forza, in mezzo ci si sono trovati i poveri monaci buddisti e la popolazione del Myanmar, costretti a subire repressioni da parte di un regime che non vogliono e di cui non riescono a liberarsi.
I monaci protestano in modo mirabile pacificamente. Spero che la situazone migliori, ma non posso essere ottimista dal momento che non intervenendo nessuno in favore dei manifestanti, sarà facile per l'esercito armato fini ai denti disperdere i pacifici monaci armati solo di buona volontà e di una tunica.

salpetti.wordpess.com