giovedì 16 agosto 2007

SALVIAMO I GHIACCIAI IN CILE (ed anche i contadini cileni...)

Vi pubblico una mail inviatami dal cameraman Mario Alberton che collabora anche con Beppe Grillo per portarvi a conoscenza di un grave pericolo per l'ambiente ma anche di riflesso per i contadini cileni che infatti stanno lottando per impedire che questo accada.

Un altro attentato all'uomo ed al suo habitat.

"Oggetto: Stop alla Miniera in Cile nella Valle di San Felix
Data: Lun, 13 Ago 2007 11:48:02

Confermiamo l'esistenza ed il progetto, eccolo qui

Nella valle di San Felix, l'acqua piú pura del Cile scorre nei fiumi
alimentati da due ghiacciai. Grandissimi giacimentid'oro, argento e
altri minerali sono stati individuati sotto questi ghiacciai. Per arrivare
a questi giacimenti, sará necessario rompere e quindi distruggere questi
ghiacciai, - niente di cosí folle é mai stato concepito nella storia del
mondo, (forse si) - e fare due grandissimi buchi,
ognuno dei quali sará grande come una montagna, una per l'estrazione e
l'altro per lo scarico della miniera.
Questo progetto si chiama PASCUA LAMA. La compagnia si chiama Barrik Gold.
L'operazione é stata pianificata da una multinazionale della quale é
membro George Bush padre. www.barrick.com

Il governo cileno ha approvato il progetto che doveva cominciare giá nel
2006. L'unico motivo per cui non é ancora cominciato é perché i contadini
hanno ottenuto una sospensione dei lavori. Se distruggono i ghiacciai, non
distruggono solo questa speciale fonte d'acqua pura, ma inquineranno anche
i due fiumi, cosí che non saranno piú adatti al consumo sia umano che
animale dovuto al cianuro e all'acido solforico usato nel processo di
estrazione.
Tra l'altro tutto l'oro che sará estratto verra
inviato tutto alla multinazionale straniera e non ci sará nessun guadagno
per la gente che vive in questi luoghi. A loro resteranno l'acqua
avvelenata e le conseguenti malattie.

I contadini hanno abbastanza tempo per lottare per la propria terra, peró
non hanno potuto usufluire della televisione perché il ministero
dell'interno lo ha proibito.
L'unica speranza per bloccare questo progetto è
ottenere l'aiuto della Giustizia Internazionale. Il mondo deve sapere
quello che sta succedendo in
Cile. Il posto dove si puó cominciare a cambiare il mondo é questo."

COMUNICAZIONE DEL ROCKPOETA:

IN QUESTO POST SEGUIVA POI UN TESTO DI UNA MAIL CHE SI POTEVA INVIARE PER FAR SENTIRE IL PROPRIO DISSENSO. MI SPIACE AVER DOVUTO RISCONTRARE IL FATTO CHE LA MAIL NON SIA CORRETTA, E QUINDI HO CANCELLATO QUESTO PASSAGGIO DEL POST. RESTA LA NOTIZIA CHE, SECONDO ME, ANDAVA CMQ DIFFUSA E FATTA CONOSCERE.

GRAZIE,
DANIELE VERZETTI, ROCKPOETA.

12 commenti:

Polis ha detto...

Sono francesco da Corinaldo (An), vi segnalo Polis il mio blog amatoriale sulla Politica, sarei lieto se lo potete inserire tra i vostri link:
www.polisfs.blogspot.com

raser ha detto...

mah, per quel che serve, mandare una mail non costa niente, ma dubito che queste iniziative abbiano qualche speranza

Richie ha detto...

C'è semprer una multinazionale sotto quando si tratta di bistrattare l'ambiente.
Ti ho aggiunto tra i i link della mia blogroll.

signor ponza ha detto...

E' una di quelle classiche cose con un grande impatto ma di cui non si parla mai. Grazie per l'informazione.

bifidus ha detto...

Ciao a tutti,

anche Paolo Attivissimo si è interessato a questa vicenda. Il suo articolo è sicuramente da leggere, perchè non è "tutto oro quel che luccica" :)

http://attivissimo.blogspot.com/2007/07/pascua-lama-la-multinazionale-ammazza-i.html

Saluti

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Benvenuto Bifidus.

Leggerò quanto hai linkato.

A presto!

Daniele

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Letto il post. Mi permetto però di dire che le precisazioni della Barrick mi convincono solo in parte.

A prescindere dalla presenza o meno di Bush Senior, il rischio per l'ambiente resta; aggiungerei inoltre che spesso le multinazionali sono famose per affermare verità parziali e poi fare cmq come vogliono e come viene loro concesso dai governi centrali, ed inoltre se i contadini cileni stanno lottando per impedire che questo progetto si concretizzi, penso che ci siano dei fondamenti concreti di rischio.

Novartis, Mattel, Pfizer, e potrei continuare... tutte immacolate sempre salvo poi alla prova dei fatti scoprire realtà ben diverse.

Resto pertanto dell'opinione, anche dopo aver letto con attenzione quel post di Paolo, molto interessante peraltro, che si tratti cmq di un progetto da fermare.

Troppe volte in passato ci hanno detto che andava tutto bene.... ci avessimo creduto di meno prima, chissà....

Franca ha detto...

Comunque sia, sono dalla parte dei contadini cileni.

bifidus ha detto...

Ciao Daniele,

cito dall' appello:
"Per favore copia questo testo e mettilo in un nuovo messaggio, aggiungendo la tua firma e inviandolo a tutte le persone che conosci... lascia anche la parte in spagnolo.
Se arrivi alla persona Nr. 200 che riceve questo messaggio mandalo a nopascualama@yahoo.com perché sia inviato al governo cileno
"

Stando a quanto dice Attivissimo, l' indirizzo email non è funzionante. Qual' è dunque il senso di questa ennesima catena di santantonio? Di autoreplicarsi all' infinito nel web?
Non è una novità che le multinazionali abbiano come unico scopo quello di trarre il massimo profitto economico possibile anche a scapito dell' umanità stessa, ma penso che "raccogliere" firme di fatto inutili non sia un gran mezzo per contrastarle. Che Bush sieda o meno nei loro consigli di amministrazione.
Aggiungerei che se da una parte è vero quanto sostieni, e cioè che "spesso le multinazionali sono famose per affermare verità parziali e poi fare cmq come vogliono e come viene loro concesso dai governi centrali", bisogna anche tenere presente che la cosiddetta controinformazione altrettanto spesso è viziata da omissioni e imprecisioni di comodo.

Saluti

bifidus ha detto...

Scusa il doppio commento, ma dimenticavo: detto ciò, ovviamente anche io parteggio per la parte più debole! :)

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

No problem per il doppio commento :-))) e grazie per la segnalazione.

Io ho voluto cmq sensibilizare sul tema senza chiedere di farla girare prima a 200 persone anche perchè a me non era arrivata così.

Non ho più riaperto la mia mail da quando ieri ho inviato anch'io quella lettera.

Verificherò se mi è tornata indietro ma resta il fatto che la notizia andava cmq detta con forza e che se era ed è possibile arrivare con una mail di protesta al governo cileno ritengo sia giusto farlo.

Daniele Verzetti, Rockpoeta.

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

CONFERMO CHE TORNA INDIETRO QUINDI NON MANDATE MAIL A QUELL'INDIRIZZO.

SE NO TROVERO UNO VALIDO VE LO COMUNICHERO'

RESTA LA NOTIZIA ED IL FATTO CHE PRIMA DI BUCARE UN GHIACCIAIO IO CI PENSEREI SEMPRE DUE VOLTE :-)))

Daniele Verzetti, Rockpoeta.